Notizie dal Mondo dei Motori
Tutta la tecnologia “campione del mondo” sulla S 500 Hybrid

Tutta la tecnologia “campione del mondo” sulla S 500 Hybrid

L’ibrido in pista per un futuro “eco”, ma anche emozionante.

In Relazione:
Articoli  MERCEDES
Video  Video MERCEDES
Video  Foto MERCEDES

Dimensione Carattere:

Quanto Mercedes abbia investito nella tecnologia ibrida e con che risultati è sotto gli occhi di tutti gli appassionati di automobilismo grazie al dominio assoluto delle “frecce d’argento” nel Campionato Mondiale di F1. Come nei casi più virtuosi però, la F1 serve da laboratorio per poi riproporre a cascata sulla produzione di serie innovazioni e tecnologie e all’indomani della conquista del titolo costruttori F1, Mercedes ha portato la sua gamma di vetture ibride sul circuito di Modena per farci toccare con mano lo stato dell’arte della tecnologia di cui la nuovissima S 500 Hybrid Plug-in incarna il ruolo di eccellenza assoluta per ora riservata a pochi fortunati, ma, come ci ha abituato la Casa della stella, nei prossimi anni le sue tecnologie arriveranno anche sul resto della gamma fino alle nostre auto di tutti i giorni, insomma una specie di laboratorio che abbiamo potuto provare, anche se solo per pochi giri in pista. Un test un poco diverso dal solito, quindi, ma più che sufficiente per farci intravedere il potenziale di questa tecnologia sia in tema di contenimento di consumi ed emissioni, che di prestazioni pure. Il motore elettrico infatti su questa vettura funge all’occorrenza da vera e propria iniezione di potenza ulteriore; una sorta di protossido d’azoto “buono” ed ecologico, ma altrettanto adrenalinico.

Ieri impensabile, oggi realtà, domani...
Non ci stancheremo mai di ripeterlo, se tutti i settori a partire dalle istituzioni avessero fatto gli stessi investimenti in innovazione e gli stessi progressi della sempre tanto vituperata industria automobilistica, se insomma la nostra cara, vecchia automobile sempre bistrattata, da nemico pubblico numero uno diventasse invece un esempio da seguire, forse le cose andrebbero un poco meglio, ma tant’è. Un’esempio di come siano cambiate le nostre vetture e di come ancora cambieranno? la scelta di un circuito come location per un test drive di vetture ibride può sembrare scontata vista la premessa, oggi le F1 sono dotate di questa tecnologia, ma sarebbe stata quantomeno sbalorditiva fino a non molto tempo fa quando l’ibrido era associato a vetture generalmente “bruttine” e poco o niente emozionali. Oggi, grazie anche al motorsport non è più così e decidere se utilizzare il motore elettrico per stabilire record in termini di consumi o in termini di tempi sul giro è a completa discrezione del guidatore. La power unit elettrica può svolgere infatti una funzione di sostituzione a quella termica nella marcia a bassa velocità e per pochi chilometri che nel caso della Plug-in arrivano fino a ben 30 chilometri (tutt’altro che poco considerando anche la mole dell’ammiraglia), può interagire con essa con scambi endotermici virtuosi che massimizzano l’efficienza, ma può anche fungere da vero e proprio overboost regalando accelerazioni e riprese brucianti decisamente impensabili con le cubature ed i frazionamenti delle sole unità termiche. In pratica si tratta di un ulteriore passo avanti nella strategia di downsizing che va nella direzione di offrire prestazioni entusiasmanti con livelli di emissioni e di consumi sempre più contenuti.

Una gamma già completa, la S al top e tante novità in arrivo da qui al 2017
Mercedes oggi offre una versione ibrida su Classe C e Classe E per arrivare al top con la sbalorditiva S 500 Hybrid Plug-in all’interno della gamma dell’ammiraglia in grado di regalare prestazioni incredibili sotto tutti i punti di vista, con un’unità termica V6 da 2.996 cc da 333 CV abbinata ad un’elettrica da ben 166 CV per una potenza complessiva di sistema di 450 CV, consumi nell’ordine dei 30 km/l ed emissioni di CO2 di 65 g/km, il tutto con un’autonomia in modalità elettrica superiore ai 30 km, ma al tempo stesso uno scatto da 0 a 100 km/h da super sportiva. Le altre Hybrid condividono invece un’unità termica a 4 cilindri diesel da 204 CV abbinata ad una elettrica da 27 CV. La scelta di puntare sulla tecnologia ibrida sarà per Mercedes sempre più determinante per offrire vetture dalle prestazioni e dal piacere di guida tipico del marchio rispettando però livelli di emissioni che entro il 2020 diventeranno tassativi per tutte le Case automobilistiche. Da qui al 2017, la gamma Mercedes si arricchirà per questo di ben dieci nuovi modelli ibridi distribuiti in un po’ tutti i segmenti di mercato, ma tutti rispondenti a quei requisiti di prestazioni e dinamismo che ci si attende da ogni vettura della Stella.

Son sei... ma paiono otto
“Prima berlina di lusso a vantare le prestazioni di marcia di un V8 e il consumo di una compatta. con una tecnologia quantomai vicina a quella della monoposto di Formula 1, anch’essa equipaggiata con un V6 turbo con trazione ibrida high-tech”, così ha presentato la nuova ammiraglia Thomas Weber, membro del Consiglio Direttivo Daimler, responsabile della Divisione Ricerca del Gruppo e responsabile del Settore Progettazione e Sviluppo di Mercedes-Benz Cars. Ambiziose le parole, ma vi assicuriamo che alla guida della S 500 Plug-in Hybrid, seppure per poco, si intravede quanto sia reale il potenziale della vettura e delle sue tecnologie. La S 500 Plug-in Hybrid eroga una potenza complessiva di 325 kW e una coppia di 650 Nm, accelera da 0 a 100 km/h in appena 5,2 s e ha un’autonomia di 33 km a trazione interamente elettrica. Il consumo certificato ammonta a 2,8 l/100 km, cui corrisponde un livello di emissione di CO2 di 65 g/km. Gli elementi chiave di queste straordinarie prestazioni sono il V6 biturbo e la trazione ibrida intelligente. In realtà la S 500 Plug-in Hybrid non è la prima “S” ibrida, infatti integra l’offerta portando a tre il numero di modelli ibridi della nuova Classe S. Tuttavia questa è davvero “di un altro pianeta”: innanzitutto, da brava plug-in la sua nuova batteria ad alta tensione agli ioni di litio presenta un contenuto energetico di 8,7 kWh e si ricarica esternamente per mezzo di una presa di ricarica installata sul lato destro del paraurti posteriore. La trasmissione ibrida si basa sul cambio automatico a 7 rapporti 7G-TRONIC PLUS. La tecnologia ibrida plug-in della Classe S attinge al sistema modulare per trazione ibrida in parallelo di Mercedes-Benz. La caratteristica comune specifica di questo sistema è la frizione aggiuntiva, integrata tra il motore a combustione interna e il motore elettrico. Questa frizione da un lato disaccoppia il motore a combustione interna durante la marcia a trazione puramente elettrica e dall’altro permette di partire con il motore a combustione con le medesime prestazioni di una frizione di avviamento in bagno d’olio. La frizione di separazione sostituisce qui il convertitore di coppia, ed essendo integrata completamente nella scatola del convertitore non porta via spazio aggiuntivo.

Tecnologia “garantita” anche per i più diffidenti
Come tutte le novità tecnologiche più sofisticate, anche questa S 500 Plug-in può destare perplessità in termini di affidabilità. Proprio per rassicurare anche i clienti più diffidenti per la prima volta Mercedes-Benz rilascia un certificato, e quindi una promessa di qualità, per la batteria ad alta tensione e i componenti plug-in della S 500 Plug-in Hybrid. Con il certificato Mercedes-Benz si impegna a rimuovere qualsiasi difetto tecnico nei sei anni successivi alla prima consegna o immatricolazione oppure entro un limite di percorrenza di 100.000 chilometri. Al guidatore solo piacere e semplicità Viaggiare con la trazione ibrida della nuova S 500 Plug-in è estremamente semplice: basta avviare il motore e decidere la pressione da esercitare sul pedale dell’acceleratore per sperimentare la prestanza del sistema o la sua parsimonia finanche alla totale assenza di rumore nella marcia 100% elettrica. Negli spostamenti quotidiani guidare questa vettura è un gioco da ragazzi come con qualsiasi altra auto dotata di cambio automatico. Per il resto pensa a tutto lei: sceglie automaticamente come combinare in modo ideale l’azione del motore a combustione interna con quella del motore elettrico in base alla modalità scelta, considerando sia il livello di carica della batteria, ma anche le condizioni del traffico e le caratteristiche del tragitto.

Intelligente, ma disposta ad eseguire gli ordini... ”consigliando” A scelta è possibile anche intervenire manualmente e regolare in prima persona l’interazione dei due motori del sistema ibrido con l’ausilio di quattro modalità di esercizio e tre programmi di marcia. Un “acceleratore tattile” segnala al guidatore con un doppio impulso quando è opportuno togliere il piede dal pedale per sfruttare la funzione “Sailing” e recuperare energia. Durante la marcia a trazione elettrica, l’acceleratore tattile permette al guidatore di capire qual è il punto di inserimento del motore a combustione interna. In tutte le modalità di esercizio, il guidatore può richiedere la visualizzazione del flusso di energia nella strumentazione e sul display centrale.

Tutto... e pure di più Come potete immaginare, la dotazione di serie della S 500 Plug-in è più che ricca e comprende servizi e tecnologie che noi “comuni mortali” non immaginiamo neppure. Un première internazionale è ad esempio la pre-climatizzazione ampliata. Questa funzione opera in base al valore target. In altre parole, la pre-climatizzazione si ha il compito di creare a bordo della Classe S la temperatura preselezionata per l’ora di partenza, a condizione che il guidatore l’abbia specificata, ad esempio utilizzando il servizio Mercedes connect me. Questo compito è affidato al compressore a comando elettrico del climatizzatore o, per il riscaldamento ad aria calda della vettura, agli elementi termici elettrici. Il pre-riscaldamento non agisce solo sull’aria interna, ma anche su sedili, volante e braccioli nelle porte e nella consolle centrale, mentre per la refrigerazione della vettura si attiva anche la ventilazione dei sedili, se presente a bordo. Quasi un dettaglio parlare di fari LED High Performance e gruppi ottici posteriori a LED, rivestimenti in pelle, COMAND Online, touchpad, climatizzatore automatico COMFORTMATIC e riscaldamento dei sedili anche per il vano posteriore, pacchetto Memory per i sedili anteriori, luci soffuse ‘ambient’ in sette tonalità e assetto con sospensioni pneumatiche AIRMATIC con regolazione continua dello smorzamento.

Più freni... più vai lontano
Come abbiamo potuto toccare con mano nel corso dei nostri giri di pista, le frenate sono sfruttate per recuperare energia. Inoltre l’andamento del percorso influisce notevolmente sulla massima efficienza dei processi di ricarica e di scarica della batteria ad alta tensione. L’intelligente strategia di esercizio aiuta il guidatore in modo efficace e al tempo stesso discreto ad adottare lo stile di guida più efficiente. La strategia di regolazione, per esempio, punta ad arrivare al termine di una salita con la batteria il più possibile scarica, in modo tale che questa possa ricaricarsi durante la successiva discesa. Un altro obiettivo fondamentale è arrivare nei centri abitati con la batteria il più possibile carica, per poter sfruttare al massimo l’efficienza della trazione elettrica nel traffico stop-and-go. La gestione intelligente delle risorse “elettriche della vettura avvengono quindi in funzione del percorso in automatico o con le quattro modalità di esercizio,in base alle preferenze del guidatore che può contare su tre programmi di marcia differenti e in funzione del traffico grazie con l’ausilio del radar. Carica semplice e rapida La batteria ad alta tensione della S 500 PLUG-IN HYBRID può essere ricaricata dalla rete elettrica esterna per mezzo di un caricabatterie di bordo da 3,6 kW. Quest’ultimo è installato fisso sulla vettura e ricarica in monofase fino a 16 A. Il connettore per il cavo di ricarica si trova dietro uno sportello integrato nel paraurti posteriore, sotto il gruppo ottico destro. Un dispositivo automatico di bloccaggio impedisce che il cavo di ricarica possa essere scollegato dalla vettura da persone non autorizzate. La nuova Classe S può essere ricaricata in tutto il mondo in due ore, per esempio con una wallbox oppure una colonnina di ricarica (400 V, 16 A). In alternativa è naturalmente possibile utilizzare per la ricarica una presa di corrente domestica. In questo caso, a seconda del tipo di collegamento, per la ricarica possono essere necessarie, ad esempio, due ore e 45 minuti (a 230 V e 13 A).

Il prossimo step è la ricarica per induzione
Tutto questo sembra già il futuro, ma come detto in apertura, l’auto corre veloce e non solo in senso letterale: uno dei prossimi passi verso la perfezione in fatto di vetture elettriche e di modelli ibridi plug-in è la ricarica senza cavo. La ricarica per induzione della batteria renderà ancora più comodo l’uso dei veicoli elettrici e dei modelli ibridi plug-in. Mercedes-Benz testerà questa tecnologia “unplugged” proprio con questa S 500 Plug-in, per sviluppare una soluzione per la ricarica della batteria ad alta tensione che sia autenticamente ai livelli della Classe S in quanto a comfort e comodità d’uso, ma che come sempre diventerà standard anche per le auto normali. Del resto vi ricordate quando ABS e vetri elettrici erano ad appannaggio esclusivo di lussuosissime vetture, e che dire andando indietro nel tempo di climatizzatori e persino autoradio? In questo Mercedes è sempre stata maestra, suo infatti ad esempio il primo sistema ABS (realizzato da Bosch) installato proprio su una “S” nel 1978..




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati