Notizie dal Mondo dei Motori
Volkswagen Concept BlueSport

Volkswagen Concept BlueSport

La Volkswagen inaugura l’anno nuovo con l’esordio di un’automobile da sogno, una spider a motore centrale dal carattere molto dinamico, con prezzi interessanti e insolitamente parca nei consumi. Velocità massima 226 km/h e 4,3 litri di gasolio per 100 km

Dimensione Carattere:

Concept BlueSport al Salone di Detroit 2009

Debutto mondiale della Volkswagen Concept BlueSport: la nuova sfida della Volkswagen è una spider prestazionale dai consumi ridottissimi.

La Volkswagen inaugura l’anno nuovo con l’esordio di un’automobile da sogno, una spider a motore centrale dal carattere molto dinamico, con prezzi interessanti e insolitamente parca nei consumi. Velocità massima 226 km/h e soltanto 4,3 litri di gasolio per coprire 100 km emettendo 113 grammi di CO2 per chilometro.

La Concept BlueSport (lunghezza: 3,99 metri; ripartizione peso sugli assi: 45:55) è una spider a motore centrale e due posti secchi. Il suo dinamismo di guida è assicurato dall’uso esclusivo di motori TDI o TSI sovralimentati, quindi di propulsori high-tech che al tempo stesso sono molto performanti e parsimoniosi nei consumi. L’esemplare presentato al salone ha un cuore TDI Clean Diesel di 2 litri con alimentazione Common Rail e catalizzatore ad accumulo DeNOx,che eroga la rispettabile potenza di 180 CV con coppia massima di 350 Nm già a partire da 1.750 giri, il che corrisponde alle caratteristiche prestazionali di un sei cilindri a benzina da circa 300 CV. Con tale motorizzazione il prototipo scatta da 0 a 100 km/h in soli 6,6 secondi segnando una velocità massima di 226 km/h.

La trasmissione della forza propulsiva al retrotreno avviene tramite un efficiente cambio DSG a 6 marce. Il guidatore può scegliere di affidare le operazioni di cambiata alla modalità automatica del cambio oppure di gestirle manualmente tramite le levette di comando poste dietro il volante.

Riguardo allo sviluppo del veicolo, la Volkswagen aveva definito solo due obiettivi da conseguire: divertimento massimo, consumi al minimo.
Per rispettare con la nota coerenza essenziale del marchio questi obiettivi, i progettisti hanno realizzato un’auto sportiva a motore centrale, due posti secchi, peso ridottissimo e massimo dinamismo nonostante sia tra le migliori della categoria in quanto a rigidità strutturale della scocca, la Concept BlueSport fa segnare un peso a vuoto sotto i 1.200 kg, valore che con la motorizzazione di 180 CV si traduce in un rapporto peso/potenza di 6,6 kg/CV.
Il basso peso a vuoto della vettura è stato ottenuto seguendo con linearità il metodo della costruzione leggera (esempi: la capote, che con 27 kg di peso è la più leggera della categoria, e i cofani in lega d’alluminio) e scegliendo dimensioni compatte per il layout della carrozzeria.

Nonostante queste spiccate caratteristiche degne delle vetture più sportive, la fruibilità quotidiana è comunque garantita dai due bagagliai che sommati offrono 182 litri di capacità di carico (112 l’anteriore, 70 il posteriore) e le soste al distributore hanno intervalli di tutto rispetto : con un pieno di 50 litri nel serbatoio e considerando il consumo medio di 4,3 l/100 km, la Concept BlueSport offre un’autonomia teorica di oltre 1.150 chilometri. Tale autonomia è frutto dell’applicazione delle più moderne tecnologie antinquinamento, che abbinate al sistema di spegnimento automatico in sosta Start/Stop e a quello di recupero dell’energia cinetica in frenata per la produzione di corrente elettrica, pone la Concept Blue Sport ai vertici dell’ecocompatibilità.

La linea della Concept BlueSport, verniciata nel colore "Flexsilver" e dotata di capote in tela di colore arancione, è stata definita dal team guidato da Klaus Bischoff (Responsabile Design Marca Volkswagen) e Thomas Ingenlath (Responsabile Centro Stile di Potsdam).
La forma è molto chiara e ridotta all’essenziale. Il corpo vettura è snello e strutturato con linearità. Complessivamente le dimensioni mettono in evidenza che la carrozzeria della Concept BlueSport oltre a essere nettamente più corta e più bassa della Scirocco introdotta di recente, è più lunga e molto più larga della Polo attuale. L’aspetto molto dinamico che questa spider mostra su strada è completato dai nuovi cerchi in lega da 19 pollici.

La grande varietà di interpretazione stilistica offerta da questi stilemi fondamentali si fa notare particolarmente nei dettagli di rifinitura. Ne sono un esempio i proiettori e la fanaleria posteriore: pur essendo dotata di fari bi-xeno e gruppi ottici posteriori a LED, la
Concept BlueSport presenta un’estetica molto originale senza smentire la tradizione di una Volkswagen moderna.

Ovviamente l’interno di un’auto sportiva deve essere quasi su misura.
Tutto deve essere perfettamente raggiungibile, gestibile e di alto livello estetico. Ed è proprio questo che la Volkswagen ha realizzato con la Concept BlueSport.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati