Notizie dal Mondo dei Motori
VolksWagen Concept R

VolksWagen Concept R

Prima Mondiale a Francoforte: La Roadster concept R, dal design innovativo, libere emozioni, funzionalità geniale. La sportiva ospita sotto il cofano un motore V6 in posizione centrale, 265 CV, dinamica pura, un futuro tangibile.

Video  Volkswagen Eos - Los Angeles

Dimensione Carattere:

L'offensiva del design: a pochi giorni dalla presentazione mondiale della nuova Golf, la Volkswagen presenta un'altra interpretazione del fascino automobilistico: è lo studio di una Roadster, la concept R.

La filosofia del design: il design dinamico che ricorda lo stile di un animale pronto allo scatto (da qualsiasi parte si osservi questa vettura), e le geniali soluzioni in materia di funzionalità, danno l'idea di quello che sarà il futuro del Marchio e forniscono anche una panoramica sul possibile impegno nel settore delle auto sportive. Una struttura di linee molto nette costituisce il punto di partenza per il design dell'esterno che è molto dinamico, una caratteristica che oggi contraddistingue tutte le Volkswagen. Oggi queste linee sono più pronunciate che in passato e incorniciano le superfici portate all'estremo della forma e del fascino conferendo una nuova visione delle cose. Questa nuova tridimensionalità degli elementi di carrozzeria più importanti, costituisce un collegamento con il design di domani.

DIMENSIONI / MOTORE
Dimensioni: la concept R è lunga 4,63 m, larga 1,78 m ed è alta 1,25 m. Gli stilisti che l'hanno disegnata hanno volutamente posto un accento caratterizzante attraverso la verniciatura esterna e il colore delle finiture interne: Frozen Sky (cielo gelato) per la vernice, Dark Earth (terra scura) per la pelle dei rivestimenti.

Dinamica del motore: la concept R è dotata di un motore V6 di 3.189 cm3 montato in posizione centrale che eroga una potenza di 195 kW / 265 CV e consente alla Roadster di accelerare da 0 a 100 km/h in 5,3 secondi e di raggiungere una velocità massima autolimitata di 250 km/h (teorica 270). Il "sound" del motore può essere variato mediante un comando specifico. La coppia massima è di 350 Newtonmetri e viene trasmessa alle ruote attraverso il rapido cambio a innesti diretti Volkswagen DSG a 6 rapporti. La trazione è sulle ruote posteriori che - come le anteriori - utilizzano cerchi da 19" con pneumatici 255/40.

DESIGN DEL FRONTALE
Design della calandra: il frontale rappresenta un elemento stilistico particolarmente innovativo della concept R, grazie soprattutto alla calandra ampiamente ridisegnata. L'importante listello cromato che la incornicia, e in più la profonda "bocca" centrale nella zona inferiore del paraurti con le due prese d'aria laterali, e i proiettori di nuova concezione che paiono occhi, conferiscono al frontale un aspetto che rispecchia la tradizione del design del Marchio ma al contempo lo interpretano in modo totalmente innovativo. Si fa notare l'ampia V che interessa tutta la parte anteriore, visto che comprende la "bocca" centrale nella zona inferiore del paraurti, la calandra il cofano e termina alla base dei due montanti del parabrezza.

Design dei gruppi ottici: i gruppi ottici sono stati disegnati per dominare il frontale. Montati sotto la carenatura trasparente, presentano un proiettore principale rotondo all'esterno e la parte interna "appuntita" che si spinge in diagonale verso il centro. Analogamente alla Phaeton, alla Touareg e alla nuova Golf, la porzione più alta dei gruppi ottici si sviluppa nella superficie del parafango risultando allungata al di sopra del proiettore, come una palpebra, e
questo contribuisce a sottolineare il carattere "atletico" della vettura.

Illuminazione innovativa: i proiettori della concept R sfruttano la tecnologia LED e costituiscono una novità: non appena si accende il proiettore principale, si apre una lente sfaccettata che deviando il fascio luminoso origina la luce anabbagliante e abbagliante.

IL DESIGN DELLE FIANCATE
Il fascino della silhouette: le fiancate della concept R sono caratterizzate dalla linea di cintura che parte dal passaruota anteriore e si prolunga verso l'alto fino a toccare la sommità di quello posteriore, oltre che da altri elementi come i passaruota stessi e il limitato sbalzo posteriore. Per non incidere negativamente sulla pulizia del design, le portiere hanno una linea molto neutra che si inserisce perfettamente in questo insieme. La tridimensionalità del design delle fiancate è messa bene in evidenza nella parte laterale posteriore.

DESIGN DELLA ZONA POSTERIORE
Design del posteriore: la parte posteriore si presenta decisamente "muscolosa" e, analogamente all'anteriore, è caratterizzata da una V che interessa tutti gli elementi, compreso il doppio terminale di scarico cromato centrale. Evidenzia fianchi importanti che trasmettono solidità e dinamismo.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati