Notizie dal Mondo dei Motori
Volkswagen Golf Cabriolet - 2011

Volkswagen Golf Cabriolet - 2011

Capote in tela, tecnologia la massimo: è la nuova Volkswagen Golf Cabrio, sulla base della sesta serie, con la struttura rinforzata. Un unico allestimento. da 23.900 a 26.750 euro. Dall’1.2 TSI di 105 cavalli al turbodiesel 2.0 TDI da 140 cavalli.

Video  Volkswagen Golf Cabriolet - 2011

Dimensione Carattere:

Prendi la macchina più venduta in Europa, la regina delle immatricolazioni, ossia la Volkswagen Golf; poi rinforzi la struttura, ci metti la capote in tela, con tecnologia al top; ed ecco la nuova Golf Cabrio. Un’altra generazione della sua bestseller aperta, per ribadire il successo. Come sulle precedenti tre evoluzioni, che hanno totalizzato oltre 680.000 esemplari venduti, anche sulla nuova Golf Cabriolet si ritrova una classica capote in tessuto: questa sì che è fedeltà. Perché in tessuto e non in acciaio come sulla Eos? Risposta: con una lunghezza di 4,246 metri, la Golf Cabriolet è decisamente più compatta della Eos, lunga invece 4,423 m.

Vista dalla parte anteriore, questa cabriolet è senz’altro una tipica Golf. Allo stesso tempo, da questa prospettiva la superficie più piatta del parabrezza fa apparire la Cabriolet ancora più sportiva. Acquista una particolare dinamicità se ordinata con i fari bixeno disponibili a richiesta. Dietro, i gruppi ottici a LED con plastiche brunite sono stati riadattati in base a quelli della Golf tre e cinque porte, e l’intera parte posteriore è stata completamente ripensata sia sotto il profilo tecnico che di design. Il cofano del vano bagaglio si abbassa fino al livello del paraurti e vanta nel contempo un ampio angolo di apertura che consente di riporre senza fatica bagagli e borse della spesa. A capote aperta, la Golf Cabriolet mostra linee distese di grande eleganza. A capote chiusa, in corrispondenza della zona dei montanti posteriori e del bagagliaio, la linea compatta della vettura riprende chiaramente, attualizzandolo, il carattere della versione che l’ha preceduta.

Questa quattro posti è una delle cabriolet più silenziose: il tutto per la cura prestata nella realizzazione del tetto in tessuto e per le nuove guarnizioni dei cristalli e delle porte. Guidatore e passeggeri possono parlare facilmente fra loro durante il viaggio. La capote è costituita da elementi della tiranteria, un rivestimento interno, una imbottitura particolarmente evoluta e un rivestimento esterno. C’è adattabilità all’uso quotidiano: il team che ne ha curato lo sviluppo ha disposto le cuciture longitudinali del rivestimento esterno (fascia centrale e 2 parti laterali) in modo tale che queste fungano da canaline per lo scolo della pioggia.

Per quanto riguarda l’efficienza aerodinamica, tra i telai longitudinali della tiranteria della capote sono montate in totale 4 centine trasversali e la porzione anteriore (ovvero il primo componente trasversale di grandi dimensioni che si trova a ridosso della cornice del parabrezza). Il soft top è a sua volta fissato alle centine per mezzo di listelli di assemblaggio avvitati, anch’essi rivestiti in tessuto. Per questo il tetto in tessuto non si gonfia nemmeno alle alte velocità, a tutto vantaggio dell’aerodinamica della vettura.

Occhio al cronometro. A tetto aperto, la parte superiore dell’ampia porzione anteriore va a coprire una vasta superficie del vano di alloggiamento della capote, fungendo così da copertura e rendendo inutile l’impiego del classico "coperchio" del vano. La capote ad azionamento automatico, grazie al sistema elettroidraulico (di serie), si apre (9 secondi) e si chiude (11 secondi) più in fretta e richiede un vano meno profondo nel bagagliaio che risulta così più spazioso (250 litri a tetto sia aperto che chiuso). L’azionamento della capote avviene mediante un apposito interruttore sulla consolle centrale. L’apertura e la chiusura avvengono anche a vettura in movimento fino ad una velocità di 30 km/h. Il sistema rileva se il tetto è completamente aperto o chiuso; quindi comunica lo stato di OK con un segnale acustico e un messaggio di avvertimento che viene visualizzato sul display multifunzione.

Il roll-bar montato sulla Golf Cabrio in corrispondenza degli appoggiatesta posteriori si solleva entro 0,25 secondi dal superamento di una determinata accelerazione trasversale o inclinazione della vettura. Entrambi i moduli roll-bar del sistema sono costituiti da un profilato di alluminio fisso e da uno mobile precaricato a molla all’interno del primo. Se sussiste il rischio di cappottamento, l’interruttore magnetico, attivato dalla centralina airbag, apre un nottolino di arresto e libera il profilato interno. E per la prima volta su una Cabriolet Volkswagen con roll-bar estraibile, è stato possibile avere un’apertura del vano bagagli di 526 mm di larghezza e 381 mm di altezza, insieme a uno schienale dei sedili posteriori abbattibile.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati