Notizie dal Mondo dei Motori
Volkswagen Golf Variant

Volkswagen Golf Variant

Mancava la Station Wagon ed ecco la nuova Golf Variant a completare la gamma. Disponibile sul mercato a luglio 2007, si propone per la prima volta con motore benzina 1.4 TSI da 140 Cv e consueti TDI da 105 e 140 Cv. Dubbio il design dei fanali posteriori.

Video  Volkswagen Golf Variant
Video  Volkswagen Golf Variant R

Dimensione Carattere:

La nuova Volkswagen Golf Variant farà il suo debutto mondiale al Salone di Ginevra. Dopo 1,2 milioni di esemplari prodotti, sommando la prima e la seconda generazione (rispettivamente su base Golf III e Golf IV), torna la versione familiare del modello bestseller in Europa.

Il nuovo modello Volkswagen andrà ad ampliare la gamma Golf a partire dall’estate del 2007.

Anche questa Golf Variant, come le precedenti, propone un rapporto ideale tra le dimensioni esterne e le interne. Tra i suoi punti di forza ci sono una grande abitabilità e un volume di carico notevole, il tutto abbinato a misure esterne compatte per muoversi agilmente in ogni condizione di traffico.

Con una lunghezza di 4,56 metri, la Golf Variant, grazie a un intelligente sfruttamento dello spazio interno, offre un vano di carico con capacità fino a 690 litri (con cinque persone a bordo) ed è sufficiente abbattere i sedili posteriori per arrivare a ben 1.550 litri.

Il design della nuova Golf Variant è caratterizzato da una combinazione di elementi stilistici tradizionali con altri nuovi per la Marca. In particolare, la zona posteriore della vettura rivela una linea assolutamente inedita.

Proprio nel posteriore, lascia a dir poco perplessa la soluzione adottata per i gruppi ottici che, rispetto alla linea comune del Marchio, già ampiamente delineata ed apprezzata, introdotta anche Passat Variant, Eos e Golf Plus, troviamo in questo caso l’adozione di fanali parzialmente ospitati dal portellone che successivamente "abbracciano" la carrozzeria, dimenticandosi invece dell’originale design a forma rotonda di tutte le altre Volkwsagen, a cui (vista da dietro) sembra non appartenga.

Nonostante possa derivarne un’abbondante larghezza del portellone, quindi una più facile capacità di carico, il risultato finale è fortemente compreso come un abbandono del ricercato design VW, identificando il posteriore della nuova Golf Variant come un "ibrido", la cui somiglianza ripercorre i medesimi tratti coreani utilizzati fino a pochi anni fa dalla medesima Kia.

Al lancio sul mercato (in Italia previsto in luglio 2007) la Volkswagen offrirà la Variant con due motori benzina e altrettanti Diesel. Per quanto riguarda i benzina, accanto al 102 CV ci sarà il 1.4 TSI 140 CV che farà della Golf Variant la prima vettura familiare proposta con questo tipo di motore a doppia sovralimentazione.

I due Turbodiesel TDI avranno potenze di 105 e 140 CV e offriranno come di consueto consumi contenuti: per il 105 CV viene indicato un consumo nel ciclo combinato di 5,2 litri per 100 km (137 g/km di CO2) mentre il 140 CV ne richiede poco di più, 5,6 l/100 km (148 g/km di CO2), pur garantendo una velocità massima di 205 km/h.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati