Notizie dal Mondo dei Motori
Volkswagen Polo R WRC - 300 CV

Volkswagen Polo R WRC - 300 CV

Volkswagen Polo R WRC sarà l’arma con cui VW combatterà contro i difficili avversari nel Campionato del Mondo Rally del 2013. Compatta, con motore 1.6 TSI da 300 CV e trazione integrale, prosegue la storia sportiva del Marchio ferma alla Golf del 1986.

Video  Nuova Polo con motori Euro 6,

Dimensione Carattere:

"R" come Ricordi sportivi, "R" come Racing, "R" come Rally. Ha tanti significati la "R" gigante sparata sulla portiera della nuova Volkswagen Polo R WRC. È la stessa lettera che, in quel di Wolfsburg, identifica da sempre le vetture più performanti ed esclusive: Golf R e Scirocco R. In occasione dei nuovi regolamenti FIA riguardo alle specifiche delle vetture partecipanti al Campionato del Mondo Rally, i tecnici sportivi di Casa Volkwagen hanno scelto di fregiare con il carattere scarlatto la più piccola Polo, per essere più competitiva e performante, in linea con le agguerrite concorrenti quali Mini Countryman WRC, Citroen DS3 WRC e Ford Fiesta WRC.

La Volkswagen parteciperà dal 2013 al Campionato del Mondo Rally FIA (WRC) con la Polo. Dopo i grandi successi nella Parigi-Dakar con il SUV Touareg, la Marca tedesca affronta quindi una nuova sfida ai livelli più elevati del motorsport.

Sentiamo le parole di Martin Winterkorn, Presidente del Consiglio di Amministrazione della Volkswagen, in questi giorni molto impegnato in giro per il mondo con le presentazioni dinamiche del gioiello Lamborghini Aventador: "Per la Volkswagen la lettera "R" è diventata sinonimo di sportività, dinamismo ed efficienza". E aggiunge: "Con la Polo R WRC la Volkswagen vuole dimostrare la propria competenza tecnica ai più alti livelli, in un confronto diretto con i concorrenti".

Sarà quindi pronta per il 2013, la nuova media Polo superpompata. Monterà, grazie alle nuove normative sportive, un propulsore da 1.6 litri TSI, sovralimentato ad iniezione diretta, capace di erogare una potenza superiore ai 300 CV. Per scaricare a terra tutta la coppia del propulsore non mancherà di certo una robusta ed efficace trazione integrale permanente.

Il WRC rappresenta infatti per i Costruttori la sfida tecnologica più eclettica, dovendo progettare una vettura considerando i fondi stradali più diversi: ghiaia, asfalto, ghiaccio, neve e fango. Nulla di più impegnativo.

Il calendario della prossima stagione prevede 13 gare in quattro diversi continenti: una World Rally Car deve quindi essere progettata per competere anche in condizioni climatiche estremamente varie, dal caldo opprimente del Sudamerica al freddo gelido della Scandinavia.

UN PÒ DI STORIA

La Volkswagen vanta una breve ma significativa tradizione rallistica. Vetture molto simili a quelle di serie hanno ottenuto successi nei rally alla fine degli anni ’80. Il più importante nel 1986: lo svedese Kenneth Eriksson, affiancato dal copilota tedesco Peter Diekmann, ha conquistato su Golf GTI 16V il titolo mondiale dell’allora neonato Gruppo A. Inoltre, in quel periodo, la Volkswagen ha sostenuto costantemente le nuove leve dei rally con il trofeo Golf Rally. Con l’arrivo della Polo R WRC, a partire dal 2013, il cerchio si chiude. Le vetture del WRC di oggi si basano ancora sulla filosofia del Gruppo A creato allora, che consente la partecipazione ad auto derivate da modelli di serie.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati