Notizie dal Mondo dei Motori
Volkswagen venderà i suoi pianali

Volkswagen venderà i suoi pianali

Una notizia trapelata in queste ore indica che il Gruppo, che ha investito oltre 60 miliardi di euro nello sviluppo della piattaforma MQB e che dal 2014 potrebbe decidere di venderla ad altri costruttori.

Video  Nuove Audi su pianale Volkswagen

Dimensione Carattere:

In una breve intervista rilasciata al settimanale inglese Autocar, Michael Macht, responsabile della produzione e membro del consiglio di amministrazione del Gruppo Volkswagen, ha annunciato che dal 2014 la casa di Wolfsburg potrebbe decidere di vendere ad altri costruttori la sua innovativa piattaforma costruttiva conosciuta con il nome di MQB (architettura modulare trasversale). Se confermata, la notizia avrebbe dell’incredibile. Il costruttore tedesco, infatti, ha investito oltre 60 miliardi di euro per lo sviluppo della nuova piattaforma presentata in anteprima mondiale sulla rinnovata Audi A3 e sulla quale nasceranno oltre alla settima generazione della Golf, tutte le automobili del Gruppo con motore trasversale: non solo Volkswagen, quindi, ma anche Audi, Seat e Skoda, dalle piccole Polo e A1 alle grandi Passat, Superb e Sharan (rimangono fuori solo la Up! e le sue derivate perché costruite su una diversa piattaforma, e le grandi ammiraglie Audi dotate di motore longitudinale).

Le parole di Macht sono chiarissime: “I prossimi due o tre anni saranno per noi entusiasmanti e durante questo tempo abbiamo intenzione di mantenere la tecnologia tutta per noi. Non vogliamo condividere la nostra eccellenza. Ma nel medio e lungo termine si potrebbe vendere la tecnologia. Occorrerà però guardare alle opportunità e valutare se ciò ha senso”. Dai piani industriali emerge che la Volkswagen conta di produrre da qui al 2018 oltre 6 milioni di autovetture all’anno e la modularità della piattaforma MQB giocherà un ruolo determinante per consentire di ottenere simili livelli di crescita. Già dal 2014, però, il Gruppo Volkswagen dovrebbe riuscire ad ammortizzare gli investimenti sostenuti (almeno secondo le previsioni del presidente Martin Winterkorn) e quindi avere interesse a vendere ad altri costruttori le sue tecnologie.

La piattaforma MQB, lo ricordiamo, è stata sviluppata perseguendo l’obiettivo di standardizzare al massimo le componenti e i processi produttivi all’interno dei 90 stabilimenti del Gruppo Volkswagen sparsi in tutto il mondo. Un vantaggio notevole perché consente di contenere i costi di produzione permettendo di offrire al cliente prezzi più bassi senza rinunciare a nulla in termini di qualità costruttiva. La piattaforma MQB ha comportato la riprogettazione della scocca e del pianale che può essere allungato e allargato a seconda delle esigenze, semplicemente modificando alcuni moduli costruttivi. In particolare, la piattaforma permette di variare gli sbalzi anteriori e posteriori, il passo e la distanza tra il divano e il centro della ruota posteriore, così da adattarne le misure alla grandezza dell’automobile. Soltanto una misura rimarrà fissa per tutte ed è la distanza tra il centro della ruota anteriore e il pedale dell’acceleratore. I vantaggi in termini di contenimento dei costi di una tale filosofia costruttiva sono più che evidenti.

L’ultima raffinatezza tecnica della piattaforma MQB è data dalla possibilità d’installare qualsiasi tipo di propulsione e quindi non solo benzina e diesel, ma anche a gas (metano e GPL), plug-in, ibrida ed elettrica pura. Tra le novità, per quanto riguarda i motori a benzina, da segnalare il piccolo 1.4 litri TFSI da 140 CV (nome in codice EA211) che debutta sulla A1 Sportback, la piccola Audi che viene assemblata nello stabilimento belga di Bruxelles. Il propulsore è dotato di tecnologia Cylinder on Demand che permette di “spegnere” il secondo e il terzo dei quattro cilindri quando il pilota preme poco l’acceleratore. Ciò avviene interrompendo l’iniezione della benzina e tenendo chiuse le valvole di aspirazione e di scarico dei due cilindri interessati, con conseguente abbassamento dei consumi di benzina e delle emissioni inquinanti.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati