Notizie dal Mondo dei Motori
Wake Up Bus contro il rischio di sonnolenza

Wake Up Bus contro il rischio di sonnolenza

Oltre 1 milione di persone nel mondo perde la vita ogni anno per gli incidenti stradali, che rappresentano la prima causa di decesso per i giovani under 29

Video  Peugeot RCZ vs Subaru BRZ: Coupé a confronto
Video  EICMA 2015
In Relazione:
Articoli 

Dimensione Carattere:

Oltre 1 milione di persone nel mondo perde la vita ogni anno per gli incidenti stradali, che rappresentano la prima causa di decesso per i giovani under 29 e costano alla società più di 500 miliardi di dollari. In Europa, i sinistri contano 35 mila morti e 1,7 milioni di feriti. È evidente che siamo di fronte ad un’autentica emergenza con cifre destinate ad aumentare se non saranno attuate al più presto azioni efficaci di contrasto da parte dei Governi e delle istituzioni. I principali imputati di fronte ad un incidente stradale sono uomo (nell’80% dei casi), veicolo e infrastruttura e la sonnolenza è una delle concause più ricorrenti, colpevole del 22% dei sinistri (in pratica un automobilista su cinque soffre di sonnolenza diurna e occhio alle apnee notturne). Benvenuto è quindi il tour internazionale del Wake Up Bus, organizzato dall’Unione Europea e dalla Società europea di ricerca sul sonno per sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi legati alla sonnolenza alla guida. Fattore che deriva soprattutto da stili di vita errati e da disturbi del sonno che compromettono la capacità di attenzione al volante. Il tour, partito il 3 ottobre da Oporto e già passato da Lisbona, Madrid e Lione, è approdato in Piazza Castello a Milano dove esperti hanno distribuito dépliant e fornito una grande attività di assistenza informativa sullo stretto legame tra la sicurezza stradale e il corretto riposo. Il Wake Up Bus è poi partito per Lubiana, Zagabria, Vienna, Poznan, Berlino e Bruxelles dove terminerà il viaggio martedì prossimo. La tappa milanese è stata organizzata dall’Associazione Italiana Medicina del Sonno con la collaborazione di Aci, Aci Milano e Comune di Milano.




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati