Notizie dal Mondo dei Motori
Ferrari 458 Italia in fiamme

Ferrari 458 Italia in fiamme

La prima a Parigi, la seconda in Svizzera a luglio, la terza in California giorni fa: sono tre le Ferrari 458 Italia andate a fuoco, per motivi ignoti. Maranello ha già aperto un’inchiesta. Non il massimo per l’immagine Ferrari: 197.000 euro in fumo.

Dimensione Carattere:

Dici Ferrari e pensi alla perfezione nella storia. Auto divine, design mozzafiato, motori che urlano la loro strapotenza. Non fa eccezione la berlinetta super compatta Ferrari 458 Italia, di una bellezza senza pari sul globo terracqueo. Maestosa, coi suoi muscoli debordanti. Agile, con le magie tecnologiche e i livelli prestazionali delle Ferrari di nuova generazione. Molto innovativa: lo chassis e i suoi elementi, l’unità motrice, l’aerodinamica e gli equipaggiamenti elettronici sono tutti esempi di ciò che rende così straordinaria questa nuova supercar della Ferrari. Ma anche la Casa italiana notissima nel mondo incontra ostacoli imprevisti: ci riferiamo a tre Ferrari 458 Italia andate a fuoco negli ultimi due mesi, mentre i prorietari le stavano guidando.

Il primo episodio di Ferrari 458 Italia in fiamme s’è verificato a Parigi, il secondo sulle montagne svizzere a luglio, il terzo in California, con documentazione fotografica dello sfortunato (in parte, visto che è così ricco da potersi permettere una Ferrari) proprietario, sceso dalla vettura per immortalare la morte della sua 458 Italia.

Per fortuna, zero morti e zero feriti, dal momento che tutt’e tre i proprietari hanno fatto in tempo a rendersi conto dell’accaduto e ad allontanarsi dalla Ferrari 458 Italia. La stranezza è che di 3.200 Ferrari vendute negli ultimi sei mesi, l’80% aveva il propulsore V8, presente sulle 458 Italia e sulle California, ma sulla California non si segnalano incendi: mistero.

Il propulsore è completamente nuovo: il primo motore per utilizzo stradale che raggiunge i 9.000 giri al minuto, garantendo prestazioni al vertice della sportività ma anche un notevole livello di comfort nell’uso quotidiano. Ciò che caratterizza questo motore è l’utilizzo dell’iniezione diretta a doppio stadio che rende possibile l’incremento della coppia massima e riduce contemporaneamente le emissioni: infatti, da questo punto di vista la 458 Italia è la miglior vettura del suo segmento. L’unità motrice è poi collegata da un cambio di tipo F1 a sette marce. L’intero sistema, assieme al differenziale elettronico di terza generazione E-diff 3, consente lo stesso tipo d’effetto tipico di una quattro ruote motrici senza scontare la penalizzazione derivata dal peso.

Ovviamente Maranello, attentissima alla piena soddisfazione dei clienti e all’immagine del Cavallino, sta già esaminando i casi per individuare con precisione del cause dell’accaduto. Nel frattempo, verrebbe da consigliare a chi già possiede una Ferrari 458 Italia e a chi la vuole comprare, di affrontare una spesuccia minima per tenere in auto un estintore: quello optional della 458 Italia costa 500 euro (l’abbiamo verificato noi di Newstreet fra gli accessori del capolavoro Ferrari). Ne vale la pena, come insegna il proprietario del bolide di Parigi andato in fiamme per primo, che ha prontamente utilizzato l’estintore.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati