Notizie dal Mondo dei Motori
Chevrolet Orlando - Prova su Strada

Chevrolet Orlando - Prova su Strada

Prova su Strada della nuova Chevrolet Orlando 2.0 LTZ 163 CV. Dal Test Drive la monovolume 7 posti si dimostra agile, veloce e spaziosa. Il design non troppo sofisticato piace, così come la razionalità degli interni curati. Prezzi ottimi: 24.400 Euro.

Video  Chevrolet Orlando - Prova su Strada
Video  Crash Test Chevrolet Orlando - 2011

Dimensione Carattere:

Newstreet.it prova su strada la nuova Chevrolet Orlando. È l’inedita vettura compatta con cui il Marchio del cravattino introduce una ventata di novità nella categoria delle monovolume/multispazio a 7 posti. Con Orlando, infatti, Chevrolet reinterpreta in chiave sportiva un segmento che spesso tralascia il design per concentrarsi sugli aspetti di comfort e versatilità.

Il design è orientato verso la sportività, richiama le linee introdotte dalla sorella Cruze ed il frontale è dominato dagli ampi gruppi ottici incorniciati di nero e dalla calandra separata in due dal marchio del cravattino. Sotto la targa, un grande fascione ingloba l’ampia presa d’aria a nido d’ape, i fendinebbia ed un paratelaio in tinta a contrasto che fa molto crossover.

La nostra orlando monta un 2 litri turbodiesel commonrail da 163 cv a 3.800 giri. È un 16 valvole con doppio albero a camme in testa DOCH con collettore d’aspirazione ottimizzato dal lavoro degli ingegneri Chevrolet: migliori prestazioni e nel contempo minori consumi.

Il motore è omologato Euro 5 con emissioni medie di 159 g/km di CO2 e consumo combinato dichiarato di 6 l/100 km. Le prestazioni generali sono ottime, con uno scatto 0-100 (dichiarato dalla casa) di circa 10 secondi ed una velocità massima di 195 km/h. La spinta dei cavalli è tangibile e l’erogazione è nolto fluida, anche agevolata dalla buona rapportatura del cambio manuale a sei marce. La turbina ha un attimo di esitazione iniziale ma poi si fa sentire bene e la ripresa in 5a o 6a marcia è apprezzabile a tutte le andature.

Il frontale è molto muscoloso. Il cofano ha una lunga nervatura che prosegue sulla linea laterale della vettura, senza soluzione di continuità. Osservata lateralmente la nuova Orlando appare solida, con linea di cintura alta, finestratura non molto ampia e linee che corrono assottigliandosi al posteriore. I cerchi in lega da 17 pollici, compresi nell’allestimento LTZ, danno quel tocco di sportività in più, massimizzando il piacere e la dinamica di guida.

L’interno del bagagliaio è molto ampio, c’è spazio per ogni cosa e quando serve ospitare i due passeggeri aggiuntivi basta eliminare la capote copri bagagli e tirare su due comodi sedili. Per un facile accesso alla terza fila di sedili gli ingegneri Chevrolet hanno pensato ad una comoda soluzione: ribaltando agevolmente il divano posteriore si crea un’ampio passaggio per accedere alle poltrone dell’ultima fila.

DESIGN

Nella parte anteriore di Orlando, i designer hanno creato un frontale audace e inconfondibile, con la griglia del radiatore in colore contrastante divisa dal caratteristico marchio. Il cofano muscoloso scorre con una linea centrale sino ai parafanghi anteriori scolpiti a loro volta da archi passaruota pronunciati. Le caratteristiche della parte frontale di Orlando includono una profonda griglia anteriore sotto la sezione del paraurti, che ospita i fari fendinebbia e che oltre a proteggere la parte bassa del veicolo ne accentua anche lo stile da crossover.

I fari di Orlando, con il contorno nero che circonda la parabola cromata e gli indicatori di direzione sotto la linea dei fari, gli conferiscono un aspetto premium.

Il profilo laterale è caratterizzato da una leggera nervatura che inizia nella parte superiore del passaruota anteriore e prosegue per tutta la lunghezza del veicolo fino al gruppo ottico posteriore. Si combina con la linea pulita del tetto che si assottiglia verso la parte posteriore per conferire a Orlando una silhouette distintiva e un atteggiamento sportivo su strada. Funzionale, il vetro laterale ininterrotto consente la massima visibilità per tutti gli occupanti.

Nella parte posteriore, Orlando mostra le caratteristiche dei più recenti spunti Chevrolet in termini di design, compreso il gruppo ottico posteriore evoluzione dei fanali multifunzionali.

Su Orlando il retronebbia è singolo e collocato al centro del paraurti posteriore.

Su questa versione, la LTZ, completano l’estetica i cerchi in lega da 17 pollici con pneumatici 225/50 e la particolare livrea nera Carbon Flash (optional da 450 Euro).




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati