Notizie dal Mondo dei Motori
Saab 9-3 Cabrio 2008

Saab 9-3 Cabrio 2008

Prestazioni ecologiche per la Saab 9.3 Cabriolet. Motore benzina 2.8 Turbo da 255 Cv, BioPower 2.0 con miscela E85 a base di etanolo da 200 Cv, e disponibile anche il diesel 2.0 TTiD da 180 Cv. Adatta a tutti i giorni dell’anno, si "apre" in 20 secondi.

Dimensione Carattere:

Anticipando da parecchi anni il concetto di "decappottabile" a 4 posti per tutte le stagioni, Saab può contare su un’esperienza di oltre 20 anni nel campo della progettazione di auto scoperte, al tempo stesso eleganti e funzionali, ed che oggi si ripropongono al Salone di Ginevra in una versione ancora più innovativa.

La nuova Saab 9-3 Cabriolet si presenta con un’elevata rigidità strutturale, un’ottima qualità costruttiva ed uno spiccato comfort di marcia. Innovative sono ovviamente le caratteristiche di prodotto che amplificano ulteriormente il concetto Saab, secondo cui, l’auto scoperta è molto più di una semplice decappottabile, ma un mezzo di trasporto adatto a tutti i giorni dell’anno.

Su strada la Saab 9-3 Cabriolet ripropone tutte le doti della berlina 9-3 Sport Sedan. La gamma delle motorizzazioni comprende propulsori in grado di funzionare a benzina, a gasolio e con miscela E85 a base di bioetanolo. Tra tutti spiccano un 6 cilindri a V di 2.800 cc realizzato interamente in alluminio e dotato di un turbocompressore a doppia girante che sviluppa 255 CV (188 kW) ed ha una coppia massima di 350 Nm e due propulsori Saab BioPower (E85) flex-fuel.

Il design esterno è caratterizzato da linee pulite ed essenziali, mentre la capote a triplo strato ad azionamento idraulico si stacca automaticamente dal bordo superiore del parabrezza e si apre in appena 20 secondi. L’innovativa funzione CargoSET unisce il meccanismo della capote ad un vano di alloggiamento flessibile nel bagagliaio. Quando la capote è chiusa, il vano si ripiega automaticamente, creando un utile spazio aggiuntivo.

All’interno dell’abitacolo ritroviamo gli stessi temi di organizzazione della plancia e di attenzione verso il guidatore che caratterizzano la berlina Sport Sedan e la station wagon SportHatch. Grande attenzione è stata dedicata all’integrazione stilistica della parte posteriore dell’abitacolo: ci riferiamo, ad esempio, alla speciale finitura interna della capote, realizzata in un tessuto di colore brillante, quasi privo di cuciture, che dà l’impressione di essere a bordo di una berlina. Una finitura a forma di "U", chiamata Surround Trim, collega la base del primo montante del tetto, il bordo superiore delle porte, la parte superiore del posteriore ed il vano della capote, integrando, in questo modo, l’ anteriore e il posteriore della vettura.

Per facilitare l’accesso ai sedili posteriori, quelli anteriori hanno una maggiore escursione longitudinale e cinture di sicurezza integrate che evitano la necessità di punti di attacco in corrispondenza del secondo montante. Altre particolarità sono le funzioni Profiler per personalizzare le funzioni dell’abitacolo, Night Panel per regolare l’illuminazione degli strumenti e ComSense per gestire il carico di lavoro sul guidatore, nonchè il collegamento senza cavi Bluetooth.

La particolare geometria delle sospensioni posteriori autosterzanti Saab ReAxs rende più reattivo il comportamento su strada della vettura. I rinforzi strutturali inseriti nell’anteriore, nel posteriore e nelle parti laterali della carrozzeria compensano l’assenza di un tetto rigido.

La gamma delle motorizzazioni comprende una serie di motori turbo a benzina di potenza compresa tra 150 CV (110 kW) e 255 CV (188 kW) e due turbodiesel con filtro anti-particolato di serie. Oltre al nuovo motore 1.9TTiD con due gruppi di turbocompressione che sviluppa 180 CV (132 kW) ed ha una coppia massima di 40,8 kgm (400 Nm), c’è anche un turbodiesel da 150 CV (110 kW) "monoturbo" con turbina a geometria variabile.

Le cabriolet Saab sono inoltre disponibili con motori flex-fuel. I due propulsori BioPower di 2.000 cc sviluppano maggiore potenza ed emettono minori quantità di CO2 proprio quando funzionano con miscela E85 a base di bioetanolo: rispettivamente 200 CV (147 kW) contro 175 CV (129 kW) e 175 CV (129 kW) contro i 150 CV (110 kW) nel funzionamento a benzina.

Il sistema DynaCage contribuisce a proteggere gli occupanti di Saab 9-3 Cabriolet in caso di ribaltamento utilizzando roll-bar posteriori a scomparsa, rinforzi in corrispondenza dei primi montanti e delle soglie delle porte, cinture di sicurezza pretensionate. I poggiatesta attivi (SAHR) di serie contribuiscono a limitare il rischio di lesioni al collo in caso di tamponamento. Come la berlina 9-3 Sport Sedan, anche 9-3 Cabriolet ha ottenuto il massimo punteggio (le famose cinque stelle) nei crash test EuroNCAP..




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati