Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: "l'Auto sportiva dell'anno"

Secondo il portale tedesco di Auto Build Sportcars, l'Alfa Romeo Giulia è l'automobile sportiva dell'anno nella categoria "Berlina e Station Wagon/VAN", competendo con ben 24 rivali.
Guarda 23 foto Guarda 23 foto
Secondo il portale tedesco di Auto Build Sportcars, l'Alfa Romeo Giulia è l'automobile sportiva dell'anno nella categoria "Berlina e Station Wagon/VAN", competendo con ben 24 rivali.

L’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio ha ottenuto un importantissimo riconoscimento in queste ore: stando a quanto si legge, la meravigliosa ammiraglia del biscione è stata dichiarata come “Auto sportiva dell’anno” all’interno della categoria “Berline e SW/WAN”. A fornire il titolo è stato il prestigioso giornale tedesco Auto Build Sportscars. Inoltre, bosogna considerare che il veicoloo ha lottato con altre 24 automobili di spessore di brand anche più blasonati. Nonostante le supercar tedesche, i lettori hanno premiato la macchina italiana.

La Giulia Quadrifoglio ha colpito tutta Europa

La versione Quadrifoglio della Giulia ha ottenuto lo stesso premio che ha vinto – lo scorso anno – la sorellona Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio . Il giornale tedesco, prima di eleggere l’auto come la miglior sportiva del 2020, ha presentato una rosa di 117 modelli tra cui scegliere, tutti suddivisi in diverse categorie.

Le prestazioni della Giulia Quadrifoglio, abbinate all’estetica e ad un design da urlo, hanno decretato la vittoria dell’automobile. Ricordiamo che la macchina ha un motore 2.9 V6 biturbo realizzato in alluminio e che sprigiona oltre 510 cavalli, 600 Nm di coppia e 375 kw. Si noti che tutto viene abbinato ad un cambio auto a 8 marce e che gode della modalità “Race” che permette un cambio della marcia in soli 150 millisecondi. La velocità di punta del veicolo è di 307 km/h e lo spunto da 0 a 100 è di soli 3,9 secondi: praticamente è un Boeing.

L’auto, per fornire un’aderenza su strada incredibile e una piacevolezza di guida estrema, vanta soluzioni tecniche e tecnologiche di alto livello. Un esempio? Le sospensioni Alfa Active Suspension, il selettore DNA Pro con Race Mode e l’Alfa Active Aero Splitter. Il tutto è gestito dall’unità di controllo Alfa Chassis Domain Control: questo permette al guidatore di gestire tutti i parametri della macchina che sfruttano in toto le prestazioni top del veicolo. Congratulazioni ad Alfa Romeo, dunque, per la grande vittoria.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 12 2020
Link copiato negli appunti