Notizie dal Mondo dei Motori
Chevrolet Spark - Prova su Strada

Chevrolet Spark - Prova su Strada

I tester di Newstreet hanno messo a dura prova la Chevrolet Spark 1.2 Ecologic LS per vedere se la nuova citycar è all’altezza delle aspettative del mercato italiano delle utilitarie a basso costo. 81 Cv, alimentazione benzina/GPL e prezzo da 11.450 Euro.

Video  Chevrolet Spark - Prova su Strada

Dimensione Carattere:

"Spark"....sarà all’altezza di questo nome? Per saperlo Newstreet.it ha messo a disposizione dei propri tester un nuovissimo esemplare di Chevrolet Spark, affidando loro il compito di metterlo sotto torchio per poter dare una risposta definitiva al quesito. Il test ha coinvolto la versione 1.2 Ecologic, motorizzata con il propulsore milledue 4 cilindri, alimentato con il doppio sistema parallelo benzina/GPL, nell’allestimento "medio" LS.

La nuova Spark, citycar compatta destinata a sostituire definitivamente la ormai datata Matiz, colpisce subito per il design giovane ed accattivante, caratterizzato da linee tese e filanti spezzate qua e là da luminose cromature. La vettura della nostra prova non è proprio di un colore "felice", il bruno/metallizzato denominato Coconut Champagne non rende molta giustizia alle forme ambiziose della piccola di GM, ma se "vestita" con le sgargianti tonalità Cocktail Green o Moroccan Blue, la "scintilla" scocca improvvisamente, facendosi notare in modo disinvolto nel grigiume del traffico cittadino.

Punto di forza dello stile di Chevrolet Spark risiede nel frontale, dominato dalla tipica calandra a griglia separata dalla fascia con il "papillon" centrale e stretta dai due gruppi ottici giganti, che donano luce sia alla strada che alla linea con una cromatura che prosegue quasi fino agli specchietti. Nel paraurti anteriore, insieme alla presa d’aria per i radiatori, sono integrati i fendinebbia, compresi nell’allestimento LS.

La versione LS non è la top di gamma (marchiata invece con la sigla LT e più cara di 600 Euro) e la mancanza dei cerchi in lega e dei paraurti più sportivi pesa un po’ sull’immagine globale. I volumi interni generosi, se da un lato garantiscono buona abitabilità, dall’altro generano un’altezza complessiva della vettura non indifferente che unita alla lunghezza contenuta compattano un po’ troppo le proporzioni, che appaiono tozze. La dimensione dei cerchi da 14 pollici, sapientemente racchiusi in passaruota non troppo ampi e leggermente bombati, di certo non aiutano a snellire la silhouette.

Entrando nell’abitacolo si ritrova la stessa impronta stilistica "urban proof" degli esterni, con contrasti cromatici coraggiosi e buona qualità dei materiali, in cui la plastica fa un po’ troppo da regina. L’allestimento è essenziale ma funzionale, con comandi semplici ed ordinati ed informazioni tenute sotto controllo dal conducente grazie ad un cockpit di ispirazione motociclistica: dietro alla corona dell’ampio (fin troppo) volante è infatti montato un cruscottino misto analogico/digitale, dotato di spie luminose e grafica retroilluminata blu, che sembra "piovuto" direttamente da qualche bolide a due ruote.

La Chevrolet Spark è comoda, anche se solo per quattro passeggeri (comunque è omologata per 5) ed è a perfetto agio nel traffico cittadino, dove si destreggia con agilità zigzagando tra i semafori grazie al servosterzo con raggio ridottissimo. Le piccole ruote sicuramente aiutano nelle manovre alle basse andature ma nel contempo, quando il piede affonda il pedale del gas (in questo caso nel vero senso della parola grazie al GPL), la tendenza al sottosterzo è notevole, aggravata dal baricentro abbastanza alto della vettura. Per questo motivo, e per le prestazioni adeguate ma non brillantissime, la Chevrolet Spark è meglio che non si spinga troppo fuori dai confini urbani, limitando i trasferimenti in autostrada in cui non è proprio disinvolta.

Il piccolo motore da 1,2 litri a 4 cilindri in linea, con distribuzione S Tec II a 16v, eroga la massima potenza di 81 Cv a 6.400 g/min ed è omologato secondo le normative Euro5. Le prestazioni sono adeguate, ma la coppia di 113 Nm a 4.800 g/min (non proprio brillante) non permette grandi performance in accelerazione, segnando uno 0-100 in 12 secondi e mezzo (con alimentazione a GPL perde un secondo abbondante) ma una velocità massima di tutto rispetto, 164 km/h.

Il peso della vettura in prova supera la tonnellata, soprattutto per colpa del peso aggiuntivo dell’impianto a gas , ma le percorrenze chilometriche risultano veramente economiche, con quasi 19 km/l con l’interruttore dell’alimentazione su benzina ed un’autonomia superiore ai 400 km sfruttando il contenuto del serbatoio toroidale del gas da 31 litri complessivi (posizionato nel vano ruota di scorta), che tra l’altro consente di raggiungere livelli di emissioni prossimi ai 113 g/km di CO2.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati