Notizie dal Mondo dei Motori
Milano Design Week 2015: visioni dal futuro

Milano Design Week 2015: visioni dal futuro

L’automobile investe la rassegna meneghina in una settimana a tutto design.

Dimensione Carattere:

Torna l’appuntamento annuale con la Milano Design Week (13-19 aprile), ovvero il Salone del Mobile 2015 con le sue rassegne e gli eventi del Fuorisalone: un momento scelto dai più famosi marchi automobilistici per portare a Milano opere, installazioni, celebrare vernissage, raccontarsi durante tavole rotonde e rassegne tematiche. Per una settimana Milano è internazionale e la contaminazione auto-mobile diventa la protagonista assoluta.

Anno dopo anno infatti i marchi automobilistici invadono la città mettendosi orgogliosamente in mostra: l'americana Ford accende l’installazione interattiva Favilla di Attilio Stocchi (piazza San Fedele), esplora le la luce e le sue forme, ma apre anche la Ford Lounge al Padiglione Euroluce (Fiera di Rho). Qui sono in mostra gli oggetti lifestyle creati dai designer dell’Ovale Blu e si discute con un panel di esperti su futuro e tendenze del design. Ancora a Rho, nei padiglioni della Fiera di Milano (Padiglione 6), si ammirano i complementi d’arredo firmati Formitalia Luxury Group e dalla Brand Extension Aston Martin; Mazda Design Collection, i complementi a firma del marchio giapponese, sono al Mazda Design Space (via San Carpoforo 9): l’anno scorso è toccato alla KODO Chair, quest’anno sono addirittura cinque gli oggetti progettati dai designer delle auto e ispirati al caratteristico design KODO. Dal giappone anche la via dei sensi di Lexus che porta a La Torneria (via Tortona 32) il suo A journey of the senses: viaggio attraverso tre aree tematiche per sollecitare i cinque sensi con l’installazione multisensoriale del francese Philippe Nigro. Da non perdere i sapori declinati dal primo chef giapponese 3 stelle Michelin Hajime Yoneda. Pochi passi più in là, Spazio Quattrocento (via Tortona 31), Peugeot Design Lab espone il lampadario Onyx e le lampade della serie NewspaperWood Lamps. C’è anche il foodtruck Le Bistrot du Lion che proseguirà fino a Expo 2015. Bmw Spheres by Alfredo Häberli (via Sciesa 3) è il progetto del marchio bavarese che comprende sketches, modelli e documenti: un punto di vista diretto sulla mobilità del futuro, un po’ lo stesso concetto che Mini interpreta con i colori e i tratti dell’artista spagnolo Jaime Hayon. Protagonista il versatile monopattino elettrico Mini Citysurfer Concept, destinato a rendere individuale e agile il movimento in città: inserito nell’installazione Urban Perspectives, una giungla urbana illustrata da Hayon con colori, strade in marmo di Carrara e lumi in ottone che indicano la via di una meta immaginaria, è allo Spazio Bergognone (via Bergognone 26). Se Land Rover collabora con l’artista siciliano Nino Mustica che intrappola nella sua maestosa installazione futurista la nuova Discovery Sport, il nuovo Suv disegnato dal fuoriclasse Gerry McGovern, per celebrare la fusione fra arte e design automobilistico attraverso Unstoppable Spirit (Piazza Gae Aulenti Torre B), opera alta più di sette metri e realizzata in acciaio e fibra di vetro, World Cloud riproduce la sagoma della nuova berlina Jaguar XE. Qui la struttura in alluminio si compone di 95 parole, in 7 lingue diverse: in collaborazione con designjunction si ammira alla Casa dell'Opera Nazionale Balilla (via Mascagni 6).




A cura di Autolink News © riproduzione riservata.

Servizi e Link Consigliati