Abarth

Fondata nel 1949, la Casa dello scorpione ha legato il suo nome alle vetture Fiat. I modelli marchiati Abarth, infatti, hanno caratterizzato le versioni sportive delle auto torinesi regalando alla storia modelli iconici come la 500 Abarth.

Sono entrate nell’immaginario collettivo vetture come le derivate dalla Fiat 600. La prima di queste è stata la Fiat-Abarth 750 che entrò in produzione nel 1956. Per questo modello venne messo in vendita anche un kit di trasformazione.

Di grande successo anche i kit di trasformazione Abarth per la Fiat 500, che la rendevano più aggressiva e sportiva senza limitarne la circolazione alla pista. Nel 1963 è stata presentata la 595 Abarth, prodotta prima su base Fiat 500 D e poi su Fiat 500 F sino alla fine del 1971, mentre nel 1964 è stata poi presentata la Fiat Abarth 595 SS. Nello stesso anno sono poi state svelate anche la Fiat Abarth 695 e la Fiat Abarth 695 SS, entrambe con una cilindrata totale di 689 cm³.

Nel 2007 è avvenuto il rilancio del marchio da parte di Fiat con la presentazione della Abarth 500 dotata di un motore T-Jet 1.4 Turbo 16v da 135 CV, ulteriormente potenziabile a 160 CV tramite i kit di elaborazione denominati esseesse, esseesse Koni, Abarth Elaborazione 595 e 695 Abarth Brembo Koni. Nel 2008 la Casa dello scorpione ha messo le mani sulla Grande Punto rendendo l’utilitaria una vettura decisamente sportiva, mentre nel giugno del 2009 è stata presentata la Grande Punto "Abarth Supersport".

L’ultima creazione con la firma dello scorpione è la Abarth 124 spider, la due posti basata sulla Mazda MX-5, dotata di un quattro cilindri 1.4 turbo MultiAir da 170 cavalli e di uno scarico che regala un sound decisamente aggressivo.

Continua a leggere

tutta la gamma Abarth

Abarth per fascia di prezzo:

Abarth per carrozzeria:

Abarth per alimentazione:

News e approfondimenti su Abarth