Notizie dal Mondo dei Motori
Honda Nuova Accord - 2011

Honda Nuova Accord - 2011

La nuova Honda Accord Berlina e Tourer al Salone di Ginevra 2011. Miglioramenti estetici, ma anche un motore in più: il 2,2 i-DTEC con emissioni CO2 pari a 138 grammi per chilometro. Debutta anche il sistema di regolazione automatica degli abbaglianti.

Video  Honda Nuova Accord - 2012

Dimensione Carattere:

Doppietta di Honda al Salone di Ginevra 2011: nuove Accord Berlina e Tourer. In vendita a partire da aprile 2011. Mettono anzitutto in mostra inediti fari anteriori e paraurti, all’insegna della grinta. Infatti, gli occhi sono più "decisi", con gli indicatori di direzione modificati da color ambra a finitura chiara. I modelli alto di gamma sono dotati di fari bixeno con modalità adattiva: si adattano alla strada, in curva, per migliorare la visibilità del conducente durante la guida di notte.

Obiettivo numero due, avere un look più sportivo. E allora ecco la griglia frontale, leggermente rimodellata con i due montanti centrali aventi la stessa finitura cromata utilizzata per la griglia esterna. Sempre alla ricerca di una maggiore aggressività, il condotto di aspirazione e le nicchie per i fari antinebbia sono stati risagomati.

Sul sedere, la berlina è stata leggermente rivisitata con la modifica della colorazione degli indicatori di retromarcia e delle frecce direzionali in rosso chiaro. Sfizioso l’elemento decorativo a cromatura chiara posizionato al di sopra della targa. Niente male anche i tre nuovi colori: Alabaster Silver, Graphite Lustre e Celestial Blue Pearl.

Senza dimenticare i miglioramenti aerodinamici a livello della sottoscocca, tra cui un deviatore di flusso anteriore più ampio e le coperture sottoscocca e sottotelaio posteriore maggiorate. Per una maggiore efficienza, introdotti cuscinetti ruote a basso attrito e pneumatici con resistenza al rotolamento ridotta. I modelli Accord dotati di cambio automatico hanno inoltre beneficiato di una minimizzazione delle perdite per attrito nella scatola del cambio e di una ottimizzazione dei rapporti di marcia per un miglioramento dell’economia di esercizio e un abbattimento delle emissioni di CO2.

Dentro alla Honda Accord 2011, nuovi materiali per i sedili e nuovi rivestimenti per le portiere. Con l’accensione delle luci, si illumina di blu la zona dei piedi nella quasi totalità dei modelli.

Le già ottime prestazioni NVH (Noise, Vibration and Harshness) sono state migliorate mediante l’adozione di una schiuma ad alta densità nelle aree del sottocofano e del cruscotto. In più, schermi di abbattimento acustico sul filtro DPF e una speciale copertura per il collettore di scarico del propulsore diesel. Da segnalare un piccolo incremento, 0,9 mm, nello spessore del vetro del lunotto posteriore.

Affinamento per il propulsore diesel 150 CV i-DTEC da 2,2 litri: ridotte le perdite per attrito interne. Vengono così ottenute minori emissioni e una maggiore efficienza in termini di economia di marcia. Si registra una riduzione di 9 g/km nelle emissioni di CO2 nella berlina con cambio manuale a 6 marce e di 11g/km nella versione automatica.

I tecnici Honda hanno poi messo mano al telaio. Il miglioramento mirato degli ammortizzatori a due vie ha apportato significativi miglioramenti in termini di stabilità di guida ad alte velocità e di qualità generale della guida, anche su superfici sconnesse.

Per il comfort e la sicurezza, i Fari Attivi in Sterzata (Active Cornering Lights) , concepiti per fornire una migliore illuminazione in imbocco di curva. E fari aggiuntivi sono state integrate nel blocco luci esistente: proiettano il loro fascio di luce lateralmente aiutando il guidatore in condizioni di scarsa visibilità; si azionano appena il guidatore aziona il relativo indicatore di direzione o gira il volante per più di 90 gradi. Prezioso anche l’ausilio in retromarcia: entrambe le luci vengono attivate contemporaneamente fornendo così una maggiore visibilità al guidatore su entrambi i lati.

Utile anche il Sistema di Regolazione Automatica degli Abbaglianti (High Beam Support System), che viene installato sulle vetture assieme ai fari bixeno. È controllato mediante una telecamera CMOS montata sul parabrezza all’altezza dello specchietto retrovisore. Nel caso in cui il sensore percepisca la presenza di luce proveniente da fari di veicoli in arrivo o da fanali posteriori, le luci (se in modalità abbaglianti) vengono automaticamente riportate all’impostazione normale. Risultato, ti concentri solo sulla strada, e non sulle luci della tua auto: lei fa da sé.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati