Notizie dal Mondo dei Motori
Suzuki Nuova Swift 2010 Test Drive

Suzuki Nuova Swift 2010 Test Drive

Abbiamo provato la nuova Suzuki Swift 2010 alla presentazione ufficiale e ne siamo rimasti colpiti. Linea rinnovata con moderazione, contenuti di livello superiore, due motori brillanti ed economici ed una sensazione generale di qualità degna di nota.

Video  Nuova Suzuki Swift 2010
Video  Suzuki Swift CIV
In Relazione:
Articoli  Swift
Video  Video SUZUKI
Video  Foto SUZUKI

Dimensione Carattere:

ESTERNI

La nuova Swift 2010 ha un design rinnovato nelle linee, ora maggiormente dinamiche e moderne, che non stravolge però la tradizionale impostazione che ha reso la media giapponese così apprezzabile negli anni. Il restyling ha coinvolto soprattutto, nella parte frontale, i gruppi ottici, più estesi e curvi verso il passaruota, le proporzioni della calandra a nido d’ape ed il paraurti, che risulta completamente ridisegnato, con presa d’aria per il radiatore con forme più armoniche e gli alloggiamenti per i fendinebbia più aerodinamici.

La linea di cintura non ha subito grandi variazioni, mantenendo una configurazione a 3 o 5 porte, con superficie vetrata ridotta e montanti verticali verniciati di nero per alleggerire le proporzioni e facendo sembrare il tetto "sospeso".

Il posteriore "marchiato" Swift ha ricevuto un bel tocco di penna, che ha ridisegnato completamente i gruppi ottici, più luminosi e brillanti anche di giorno, un paraurti ampio con finto estrattore integrato e luce retronebbia centrale, nonché cancellato la maniglia di apertura del portellone, che è stata nascosta vicino alle luci targa. Il lunotto rimane ampio come il "vecchio" e sormontato da uno spoiler con luce stop integrata che ci fa tanto sperare in una versione Sport.

I nuovi colori proposti per la carrozzeria, suddivisi in "Active" e "Grey-based", confermano e sottolineano la voglia di stupire della Suzuki Swift.

INTERNI

L’abitacolo della nuova Swift ha ricevuto le stesse attente cure dedicate al ringiovanimento della carrozzeria ed il risultato è uno spazio interno di notevoli dimensioni, garantite da un approfondito studio dell’ergonomia, che ha tirato fuori 5 posti decisamente comodi, da una vettura media di proporzioni compatte. I materiali che compongono le plance ed i rivestimenti sono ora di maggior pregio, ottima qualità e con accostamenti cromatici più accattivanti. L’alternanza del nero dei tessuti e del color alluminio dei dettagli, crea un ambiente ordinato, accogliente, con un tocco di piacevole sportività.

Il nuovo tocco di raffinatezza dell’ambiente interno di Swift 2010 è scaturito dalla concentrazione dell’attenzione dei designer sull’eleganza del look unita alle percezioni sensoriali: particolari più belli da osservare e ancora più piacevoli da toccare.

MECCANICA

Lunga 385 cm, larga 169,5 e alta 151, la nuova Suzuki Swift racchiude in un passo di 243 centimetri soluzioni meccaniche raffinate e dedicate alla massimizzazione del piacere di guida e della maneggevolezza. Mantenendo la stessa filosofia della precedente versione tutte le componenti che partecipano alla dinamica di guida sono state perfezionate e riviste.

Lo sterzo ha un ridotto gioco dei giunti ed un rapporto di demoltiplica particolare che rende la sterzata fluida e solida, nonostante sfrutti un servo elettrico. Nei primi gradi di rotazione le reazioni della vettura sono più rapide, per una risposta in curva più pronta, mentre avvicinandosi al fine corsa lo sforzo richiesto diminuisce notevolmente.

Le sospensioni anteriori seguono lo schema tradizionale McPherson con molle elicoidali a smorzamento progressivo che, unitamente alla nuova struttura della barra stabilizzatrice donano maggiore rigidità senza penalizzare il peso complessivo. Al retrotreno troviamo una barra di torsione con molle elicoidali, caratterizzata da una particolare inclinazione delle boccole di fissaggio che aumentano la propria rigidità laterale del 50%, al fine di ottenere un maggior controllo della convergenza. Il controllo sul peso complessivo del sistema sospensivo è sempre finalizzato alla massima leggerezza.

Il telaio è più robusto nonostante risulti essere più leggero del precedente modello. Tale risultato è stato ottenuto dai tecnici progettisti Suzuki utilizzando acciai alto resistenziali per comporre la struttura portante della nuova Swift. L’alto livello di rigidità torsionale unito allo spostamento del baricentro verso il basso hanno permesso di limitare il peso delle sospensioni favorendo la stabilità ed il comfort di marcia.

Nel reparto cambi, le novità più evidenti sono l’adozione di un nuovo meccanismo per la versione manuale che riduce lo sforzo per l’attuazione da parte del conducente rendendo la cambiata più fluida, mentre nella versione automatica è stato introdotto il sistema "Hill Hold Control" per l’assistenza nelle partenze in salita.




Newstreet.it - Auto e Motori

Servizi e Link Consigliati